La fiducia come metodo imprescindibile di cura

La fiducia come metodo imprescindibile di cura

A cura di Maurizio Turturo

La percezione di cura è cura di per sé. Nella buona percezione di essa è fondamentale un rapporto di fiducia con il curante e con l’equipe di professionisti della salute che seguono il paziente. Ma la fiducia è misurabile? E soprattutto esistono dei metodi per migliorare il rapporto di fiducia tra paziente e i professionisti della salute che lo hanno in cura?
In questo interessante editoriale pubblicato su JAMA si analizzano, esplorano ed ipotizzano potenziali approcci sistemici per incrementare il rapporto di fiducia tra paziente ed equipe di curanti, in un sistema complesso come il sistema sanitario statunitense, approcci in buona parte riproducibili anche nel nostro sistema sanitario nazionale, nonostante le differenze sia di tipo organizzativo che di risorse economiche utilizzate.
Gli autori elencano una serie di motivi per cui il rapporto di fiducia nella relazione medico-paziente con il passare degli anni si è mediamente deteriorato: la discontinuità di cura tra curanti e paziente, la mancanza di regolari e periodiche interazioni tra i medici di una equipe, l’eccessiva burocratizzazione. Propongono, quindi, soluzioni correttive che comprendono maggiori competenze organizzative, ma soprattutto un maggiore sforzo comunicativo da parte del curante, allo scopo di favorire un legame empatico con il paziente.
La ricerca dimostra che la fiducia del paziente si correla prevalentemente con la valutazione che egli fa del modo di comunicare del curante, della sua conoscenza del paziente e della sua onestà.
I temi chiave che emergono includono l’andare incontro ai bisogni dei pazienti, la valutazione dell’esperienza di cura riportata dai pazienti stessi, l’impegno dei medici, il coinvolgimento e la condivisione nelle varie fasi della cura, una maggiore conoscenza dei metodi di comunicazione da parte dei medici.
Un approccio sistemico che ruoti quindi intorno all’edificazione di un rapporto di fiducia tra professionisti della salute e pazienti.
Lee TH, McGlynn EA, Safran DG. A Framework for Increasing Trust Between Patients and the Organizations That Care for Them. JAMA. Published online January 24, 2019. doi:10.1001/jama.2018.19186

L’autore

Maurizio Turturo.
Medico specializzato in Cardiologia. Responsabile della Cardiologia Interventistica/Emodinamica dell’Ospedale Di Venere di Bari. Si interessa da anni di Medicina Narrativa avendo conseguito un Master in Medicina Narrativa, Comunicazione ed Etica della Cura presso la Facoltà di Medicina e Chirurgica dell’Università Politecnica delle Marche. Ha ideato e creato un laboratorio di Cardiologia Narrativa in cui utilizza pratiche narrative, etiche e di comunicazione nella sua attività clinica. All’interno della “sala di attesa” del suo laboratorio/studio svolge incontri tematici culturali, presentazioni di libri, mostre fotografiche etc…su argomenti attinenti alla approccio narrativo nelle pratiche di cura in medicina, incontri ai quali partecipano anche i suoi pazienti.

Condividi l'articolo

Articoli recenti

Categorie

Commenti recenti

    Vorresti iscriverti alla società italiana di medicina narrativa?

    Clicca il bottone sottostante e compila il modulo.

    ISCRIVITI